RICERCA NEL DIARIO Trova un argomento di tuo interesse
Lug 242016
 

Shortlink:

Regalati o regala un prodotto fatto a mano in Toscana, alla persona a cui vuoi bene.
La bigiotteria Creazioni con Amore by Erika propone una scelta di collane, braccialetti e orecchini per tutte le tasche. www.creazioniconamore.it
La tua pubblicità qui.

2020 ritorno al decoder

Ecco un appuntamento da non dimenticare: il prossimo switch off del digitale terrestre verso il DVB-T2 previsto per il 2020

Tutto nasce dal fatto che, per lasciare spazio alle telecomunicazioni mobili in modalità 4G e 5G, l’Unione Europea ha chiesto da tempo ai vari governi nazionali di lasciare libera la banda 700 MHz, oggi utilizzata in parte per le trasmissioni televisive.
In altri paesi Ue la TV via cavo e il satellite sono la piattaforma più utilizzata se non l’unica, mentre nel nostro paese è il digitale terrestre quindi la maggioranza degli italiani dovrà dotarsi di un televisore che sappia ricevere il DVB-T2. Attualmente in Italia il segnale ricevuto dai nostri televisori è Dvb-T Mpeg 4

Allo stato attuale a partire dal 1° luglio 2016 la normativa italiana (decreto Milleproroghe, convertito in legge a fine 2014) prevede l’obbligo per i soli produttori di vendere ai distributori solo apparecchi TV di nuova tecnologia che abbiano un decoder integrato di tipo Dvb-T2 in sostituzione dell’attuale Dvb-T.

La vendita delle nuove TV Dvb-T2 diventerà obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2017 (salvo proroghe al momento non previste).
Fino a quella data le due tipologie di tv digitali, di prima e seconda generazione, convivranno, quindi quelle comprate in questo periodo potrebbero rivelarsi obsolete entro pochi mesi e che non potrebbe che funzionare, a partire dal 2020 se non con un decoder esterno.

Le date da non dimenticare:

  • 1° luglio 2016
    i produttori devono mettere in commercio solo tv con digitale terrestre di seconda generazione Dvb-T2 Hevc
  • 1° gennaio 2017
    diventa obbligatorio vendere solo questo tipo di televisori
  • 2020 (o 2022 slittamento chiesto dall’Italia)
    è la data del passaggio, in tutta l’Unione europea, delle frequenze al nuovo sistema che libera la banda 700MHz.

Quello del decoder esterno, al doppio telecomando e a mille problemi di funzionamento, che sembrava ormai sorpassato, invece si ripresenta anche per chi ha già provveduto anni fa a cambiare apparecchio Tv.