RICERCA NEL DIARIO Trova un argomento di tuo interesse
Gen 072017
 

Shortlink:

impianti termici

Per gli impianti termici specificati in Quali controlli di efficienza energetica vanno effettuati si eseguono i controlli di efficienza energetica in caso di:
– prima messa in esercizio dell’impianto, a cura dell’installatore;
– sostituzione degli apparecchi del sottosistema di generazione, quali il generatore di calore;
– interventi che non rientrino tra quelli periodici, ma tali da poter modificare l’efficienza energetica.

Per gli stessi impianti termici specificati in Quali controlli di efficienza energetica vanno effettuati si eseguono anche controlli di efficienza energetica periodici, successivi a quelli indicati sopra.
Dal 1 gennaio 2017 le periodicità in tutta la Toscana sono quelle definite dal Regolamento regionale 25/2015 come modificate dalla LR 85/2016:

Tipologia impianto

Alimentazione

Potenza[1] in kW

Anno civile entro il quale si deve svolgere il controllo di efficienza energetica, a far data dal precedente

Impianti con generatore di calore a fiamma

Generatori alimentati a combustibile liquido o solido

10<P[2] 100

P >100

Generatori alimentati a gas, metano o GPL

10<P 100

– 4° dal controllo di “prima accensione”
– 2° per gli altri successivi controlli [3]

P >100

Impianti con macchine frigorifere/pompe di calore

Macchine frigorifere e/o pompe di calore a compressione di vapore ad azionamento elettrico e macchine frigorifere e/o pompe di calore ad assorbimento a fiamma diretta

12<P100

P >100

Pompe di calore a compressione di vapore azionate da motore endotermico

P >12

Pompe di calore ad assorbimento alimentate con energia termica

P >12

Impianti alimentati da teleriscaldamento

Sottostazione di scambio termico da rete ad utenza

P >10

Impianti cogenerativi

Microcogenerazione

Pel[4] <50

Unità cogenerative

Pel≥50

NOTE:
1 Ci si riferisce alla potenza utile nominale complessiva dei generatori e delle macchine frigorifere che servono uno stesso impianto (con un unico sistema di distribuzione/controllo)
2 P = Potenza termica utile nominale

3 Attenzione: termine cambiato rispetto al 2016
4 Pel = Potenza elettrica nominale
 

Per verificare a quale intervallo di potenza appartiene il proprio impianto e quindi individuare la periodicità con cui eseguire i controlli di efficienza energetica bisogna tenere conto di quanto specificato in Quali controlli di efficienza energetica vanno effettuati:
– per gli apparecchi collegati a uno stesso sottosistema di distribuzione (o controllo) va considerata la potenza nominale utile complessiva;
– per gli apparecchi NON al servizio di uno stesso sottosistema di distribuzione bisogna considerare la potenza utile nominale dei singoli apparecchi, ed eseguire i controlli di efficienza energetica solo per i singoli apparecchi con potenze utili nominali superiori alla soglia di potenza indicata in tabella: 10 kW per le stufe o caldaie (12 kW nel caso di macchine frigorifere/pompe calore).

Ciao, hai lasciato un commento ? (°L°) La Tua opinione è molto importante !

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: