RICERCA NEL DIARIO Trova un argomento di tuo interesse
Giu 202015
 

Shortlink:

manutenzione caldaia

La caldaia a gas è un apparecchio tecnologico che necessita di manutenzione e pulizia periodica per garantire un funzionamento efficiente e sicuro.

Ma chi deve pagare la manutenzione della caldaia di un riscaldamento autonomo? L’inquilino o il proprietario? La normativa chiarisce la controversa questione!

Il cittadino, in qualità di responsabile dell’impianto termico, avvalendosi di ditte aventi i requisiti previsti dalle norme in vigore sulla sicurezza degli impianti di riscaldamento e/o impianti per il gas, è tenuto a:

  • condurre l’impianto secondo le prescrizioni delle normative vigenti;
  • rispettare i periodi di accensione;
  • mantenere la temperatura degli ambienti entro i 20° C con una tolleranza di ± 2 °C (dipende dalla zona climatica);
  • provvede affinché siano eseguite le operazioni di controllo e manutenzione nel rispetto delle prescrizioni della normativa vigente secondo le modalità stabilite negli specifici provvedimenti emanati dalle Amministrazioni competenti;
  • autodichiarare lo stato di manutenzione dell’impianto all’organismo preposto ai controlli;
  • conservare tutta la documentazione relativa all’impianto.

IL responsabile dell’impianto termico è definito (Legge 10/91, DPR 412/93, D. Lgs. 192/05 e ss.mm.ii agli stessi) come l’occupante, a qualsiasi titolo, in caso di singole unità immobiliari residenziali e l’amministratore, in caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati amministrati in condominio.

Si evince che la sola manutenzione ordinaria della caldaia dell’impianto di riscaldamento autonomo è a carico dell’inquilino.