RICERCA NEL DIARIO Trova un argomento di tuo interesse
Dic 122015
 

Shortlink:

FAQ controllo caldaie

Per garantire l’efficienza dell’impianto di riscaldamento e sopratutto la sicurezza della caldaia è buona regola eseguirne una manutenzione periodica.
Quante volte la cronaca ci propone tristemente:
“Intossicazione da monossido di carbonio. […]Le cause, tutt’ora in corso di accertamento, potrebbero essere riconducibili al malfunzionamento della caldaia murale […]” fonte http://xiv.me/8t6
La manutenzione della propria caldaia deve essere eseguita da un tecnico caldaista o da un idraulico altamente qualificato.

In tutta la provincia di Pisa gli interventi di manutenzione per le normali caldaie di casa sono generalmente due:

  1. pulizia annuale della caldaia
    La pulizia annuale non è un intervento obbligatorio per legge, ma consigliato per mantenere la caldaia efficiente.
    Consiste nell’intervento di pulizia della caldaia e verifica di funzionamento generale.
    Il caldaista smonta le parti rimovibili esterne ed interne della caldaia per procedere ai vari controlli.
  2. pulizia della caldaia e controllo dei fumi ogni due anni.
    Dopo l’intervento di pulizia della caldaia, quindi a caldaia pulita, con la prova dei fumi (analisi combustione) si vanno a determinare i valori di tiraggio della caldaia e la temperatura dei fumi di combustione, si misurano i valori inquinanti (CO, CO2) e si verificano i parametri che favoriscono oltre alla sicurezza anche il risparmio energetico: il rendimento, le tarature, la temperatura dei fumi.
    Una volta terminata la prova dei fumi il tecnico rilascia la ricevuta con i risultati delle prove che è da conservare nel libretto di impianto insieme al libretto d’uso e manutenzione e a tutta la documentazione di Legge.
    Per l’anno 2015 il controllo dei fumi nel Comune di Pisa, nel Comune di Cascina e in tutta la Provincia di Pisa è obbligatorio ogni due anni per le caldaie a gas sotto i 35KW generalmente installate nelle abitazioni o in piccole attività.