RICERCA NEL DIARIO Trova un argomento di tuo interesse
Feb 062016
 

Shortlink:

impianti termici

Il bollino di autocertificazione da applicare su ognuna delle copie del rapporto di efficienza energetica, che viene rilasciato esclusivamente dal manutentore in occasione delle verifiche, è differente per tipologia e fasce di potenza dell’impianto.

Il bollino è previsto per:

  1. impianti di climatizzazione invernale con generatore a fiamma di potenza termica utile nominale maggiore di 10 kW, indipendentemente dal combustibile utilizzato (quindi anche per gli impianti a pellet, cippato, tronchetti, etc.),
  2. con macchine frigorifere e/o pompe di calore di potenza termica utile nominale maggiore di 12 kW,
  3. cogenerativi,
  4. alimentati da teleriscaldamento di potenza termica utile nominale maggiore di 10 kW.

In particolare i controlli di efficienza energetica della caldaia di casa devono essere effettuati con le seguenti periodicità :

  1. caldaia alimentata a gas, metano o GPL, installate all’interno di locali adebiti alla permanenza delle persone o se in funzione da più di 8 anni, con potenza utile nominale da 10KW a 35KW ogni 2 anni con applicato un bollino tipo A da 10 euro;
  2. caldaia alimentata a gas, metano o GPL, installate all’installate all’esterno, in locali tecnici, o sulla terezza , con potenza utile nominale da 10KW a 35KW ogni 4 anni con applicato un bollino tipo A4 da 15 euro;
  3. caldaia alimentata a combustibile liquido o solido, gasolio o pellet, con potenza utile nominale da 10KW a 35KW ogni 2 anni con applicato un bollino tipo A da 10 euro;

Quindi se, in occasione delle verifiche di efficienza energetica, non deve essere fatta la prova fumi, il Bollino deve essere apposto obbligatoriamente anche:

  • sui sistemi di condizionamento qualora la singola macchina abbia una potenzialità superiore a 12 KW;
  • sugli impianti a biomassa (pellets, cippato, tronchetti, ecc) qualora il singolo generatore abbia una potenzialità superiore a 10 KW e
  • sugli scambiatori di calore (teleriscaldamento) qualora il singolo generatore abbia una potenzialità superiore a 10 KW.