RICERCA NEL DIARIO Trova un argomento di tuo interesse
Nov 072014
 

Shortlink:

A volte può accadere che la caldaia specialmente in funzione riscaldamneto perda acqua.
Purtroppo quando si verifica il problema della caldaia che perde acqua comprensibilmente molti si allarmano, ma in realtà le cause possono essere fra le più disparate, alcune risolvibile autonomamente, in altri casi è invece necessario l’intervento di un tecnico specializzato per porre rimedio.

La causa più comune di perdita dell’acqua dalla caldaia si verifica in corrispondenza della valvola di sicurezza: un dispositivo automatico che serve per evitare che acqua contenuta nell’impianto di riscaldamento possa raggiungere una pressione superiore ai 3 bar, tale da mettere a repentaglio la sicurezza dell’impianto e quindi delle persone che ne usufruiscono.

La perdita d’acqua dalla valvola di sicurezza è legata principalmente a due fattori:

  1. la pressione dell’acqua del riscaldamento potrebbe essere alta.
    Per questo ogni caldaia è dotata di un manometro e/o di un display digitale, che consente di tenere sotto controllo la pressione del circuito di riscaldamento e per un corretto funzionamento della caldaia a impianto freddo deve essere a una pressione di circa 0,8 bar a 1,5 bar massimo. Generalmente è consigliato caricare a 1 Bar. Se il manometro indica una pressione in eccesso è semplice abbassarla autonomamente tramite l’apertura di un valvolino di sfiato dell’aria posto sul radiatore.
  2. la pressione dell’acqua indicata dal manometro è 1 bar ma dopo che il riscaldamento è acceso la caldaia perde acqua. In caso di pressione elevata oltre i 2,5 bar a impianto di riscaldamento con i radiatori bollenti c’è un’alta probabilità che il vaso di espansione sia scarico o addirittura rotto.

Mentre nel primo caso un intervento di ripristino della pressione dell’acqua risolve il problema, nel secondo è necessario l’intervento di un tecnico per verificare se prendere in considerazione la sostituzione del vaso di espansione della caldaia.

Un’altra causa potrebbe dipendere anche da una guarnizione della caldaia guasta che, ovviamente, va sostituita.
Le guarnizioni con il tempo e l’usura possono deteriorarsi e perdere gradualmente la loro capacità di tenuta dell’acqua.

Va sottolineato che in caso di persistenza di perdita dell’acqua dalla caldaia è sempre consigliabile contattare il centro assistenza.

Sorry, the comment form is closed at this time.